WATERPOLO MILANO MEYANOPOLI ALLA PRIMA SCONFITTA NEL ROUND RETROCESSIONE - VITTORIA NETTA DEL NUOTO CATANIA

Il breve commento dal sito della FIN:
 Ancora un’ottima prova per l’ADR Nuoto Catania che vince in casa e batte 16-8, doppiando la Waterpolo Milano Metanopoli. Match in discesa per i siciliani, trascinati dalla cinquina di La Rosa, sono avanti 4-3 dopo il primo parziale e 8-5 a metà gara. Prendono poi il largo e allungano fino al 16-7 firmato da Eskert (tripletta) a inizio quarto tempo. Nulla da fare per i lombardi che chiudono le marcature con Mattiello ma riescono a fermarsi solo sul -8. 

ADR NUOTO CATANIA: E. Caruso, G. Generini, N. Eskert 3, G. La Rosa 5, A. Tringali, B. Banicevic, G. Torrisi 3, M. Ferlito 1, R. Torrisi 2, A. Privitera 2, E. Russo, F. Gulisano, T. Baggi-Necchi. All. Dato

WP MILANO WP MILANO METANOPOLI: F. Cubranic, A. Perez 1, S. Andryukov 1, N. Tononi 1, G. Mattiello 1, C. Sarno, T. Scollo, P. Kasum, N. Ficalora, T. Busilacchi 1, E. Novara 3, G. Lanzoni, A. Mellina Gottardo. All. Krekovic

Arbitri: Navarra e Braghini

Note: Usciti per limite di falli Kasum (M) nel terzo tempo e Busilacchi (M) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: ADR Nuoto Catania 6/ 12 + un rigore e Waterpolo Milano Metanopoli 3/11.

All'esordio nel girone retrocessione la Waterpolo Milano Metanopoli non riesce a trovare il successo esterno contro una Nuoto Catania più sicura e precisa tra le mura amiche. Finisce 16-8 per la formazione siciliana.

Milano prova a reggere per due tempi, poi non riesce a prendere in mano la partita subendo la fase offensiva e difensiva catanese.

Problematica partenza per la formazione milanese che subisce l'attacco degli uomini di casa. Catania gestisce il gioco in fase offensiva segnando tre gol consecutivi per mano di La Rosa, Eskert e Privitera allo scadere, e trovando con Caruso tre parate importanti che lasciano a bocca asciutta la formazione di Krekovic. La Waterpolo Milano Metanopoli si sblocca a 3 minuti dalla fine del tempo e reagisce restituendo tre reti a Catania: prima con Busilacchi che approfitta di un calo di concentrazione della difesa avversaria, e poi con Novara e Andryukov per il 3-3. Sul finale è Riccardo Torrisi a chiudere il periodo con un gol che regala il nuovo vantaggio a Catania (4-3).

Il secondo quarto si riapre con Catania che per mano di Giorgio Torrisi e La Rosa in superiorità numerica allunga nuovamente su Milano che non riesce a chiudersi in difesa. E' Tononi da lontano ad accorciare le distanze per la formazione milanese a metà del parziale, ma i due Torrisi rispondono con due gol consecutivi, il primo di Giorgio in controfuga per tenere la sua squadra a distanza di sicurezza, il secondo di Riccardo da lontano per allungare ancora su Milano, in forte difficoltà soprattutto offensiva. Ci prova Novara a trovare una reazione sul finale di periodo e riportarsi sul -3 (8-5).

E' ancora Catania, questa volta con Eskert, a trovare il gol in apertura di terzo tempo, Milano risponde con Novara dal centro in doppia superiorità numerica. Ritmo che si abbassa, è poi Giorgio Torrisi a trascinare nuovamente la formazione siciliana per il nuovo +4, Milano non riesce a trovare la via del gol facilmente, faticando a contrastare la difesa di Catania. La squadra di casa scappa via con Ferlito su uomo in più, Caruso para il rigore di Kasum, e La Rosa da lontanissimo segna il gol del + 6, Privitera su rigore trova il massimo vantaggio (13-6).

Dopo il gol di Perez in apertura di periodo, Catania scappa definitivamente via con i gol di La Rosa e quello di Eskert. Mattiello segna l'ultimo gol della formazione milanese, ma è tardi per la rimonta. Finisce 16-8 la partita in favore di Catania che guadagna 3 punti in classifica fondamentali.








Website Design by SS Studio